lunedì 22 settembre 2014

I principali nemici del nostro stomaco: ecco come difenderci!

Cibo spazzatura e bibite gassate all’origine di sindromi dispeptiche
Sebbene lo stomaco sia un organo dotato di una certa forza, sono molti i nemici che possono compromettere la sua salute. Iniziamo dagli alimenti. Ci sono alcuni cibi che ne affaticano il lavoro, come ad esempio quelli ricchi di grasso: quello che viene chiamato junk food o cibo spazzatura è spesso alla base di sindromi dispeptiche, ovvero difficoltà digestive caratterizzate da dolori, gonfiore e pesantezza. Senza dubbio nel junk food rientrano anche le bibite gassate che, addizionate di anidride carbonica, hanno un’azione irritante diretta sulla mucosa gastrica. Altro nemico riconosciuto è l’alcol. Sebbene molti dei cosiddetti digestivi abbiano una base alcolica, in realtà vino, amari e simili possono provocare un danneggiamento della mucosa gastrica, riducendone le capacità di protezione.

No alla sigaretta: favorisce la risalita del cibo nell’esofago
Per chi vuole conservare lo stomaco in salute anche la sigaretta è un vizio da perdere il prima possibile. Il tabacco porta infatti a un rilassamento dello sfintere che impedisce al cibo di risalire lungo l’esofago, favorendo episodi di reflusso. La nicotina inoltre stimola la produzione di succhi gastrici aumentando il rischio di infiammazioni e, riducendo anche la salivazione, rende più difficile la digestione.

Stress e ansie aumentano il rischio gastrite
Lo stress, i ritmi frenetici e le preoccupazioni aumentano il rischio di andare incontro a gastrite. Le ragioni per cui fattori nervosi possono influenzare la salute dello stomaco sono ad esempio legate alla sovraproduzione di cortisolo che altera la funzionalità della muscolatura gastrica, può a lungo andare ad aumentare la produzione di acido cloridrico o far innalzare i livelli infiammatori. Lo stress in realtà non è la causa diretta di affezioni allo stomaco ma può determinare un aggravamento dei sintomi: si parla di disturbi gastrointestinali funzionali che possono andare dal semplice sentir lo stomaco bloccato e non riuscire a digerire a vere e proprie gastriti acute. Tale è l’influenza che il nostro stato d’animo ha sul processo digestivo che alcuni medici sono arrivati a consigliare di evitare di guardare il telegiornale durante la consumazione del pasto.

I farmaci antinfiammatori creano lesioni sulle pareti
I danni peggiori allo stomaco vengono dall’abuso di farmaci. Molti dei medicinali cui facciamo più frequentemente ricorso, come i Fans (antinfiammatori), riducono le naturali protezioni della mucosa, con effetti gastrolesivi, per questo la loro assunzione viene consigliata a stomaco pieno, quando la presenza di cibo ostacola la loro azione diretta sulle pareti dello stomaco. Anche i gastroprotettori, ovvero i “controfarmaci” prescritti per evitare gli effetti degli antinfiammatori, ossia gli inibitori della pompa protonica, non sono esenti da problemi. Se assunti per periodi troppo lunghi, possono causare dipendenza, oltre ad aver dimostrato di essere correlati a una maggior incidenza di malattie cardiovascolari e a un aumento nel rischio di allergie.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...