venerdì 14 marzo 2014

WhatsApp acquisito da Facebook: Quali sono le novità?

L’acquisizione da parte di Facebook di WhatsApp, la più popolare tra le App per chattare, è di quelle notizie che sicuramente non lasciano indifferenti. Non solo per la grandiosità dell’impresa (Zuckerberg avrebbe messo sul piatto in tutto circa 19 miliardi di dollari) ma soprattutto perché l’operazione coinvolge miliardi di persone.

Gli utenti del social network più diffuso del pianeta (Facebook ha 1,2 miliardi di iscritti) e quelli di WhatsApp, la più moderna e amata delle applicazioni per comunicare, che conta ogni giorno un milione di utenti in più.

Si sono chiesti tutti, cosa cambierà per noi? L'App sarà invasa di pubblicità, come Facebook? Pagheremo più dei 99 centesimi di canone l’anno di WhatsApp? E dove finiranno i nostri numeri di telefono? 

Attualmente, negli accordi tra i due giganti, WhatsApp manterrà indipendenza e marchio e resterà agganciata esclusivamente alla rubrica dello smartphone. Sul futuro, però, Zuckerberg è stato ermetico: “Questo accordo servirà a rendere il mondo più aperto e connesso”, si è limitato a dire. Sono in tanti a pensare che ben presto gli utenti dovranno abituarsi a nuovi codici e nuove forme di comunicazione.

Poi, secondo alcuni, a Facebook preme accaparrarsi la fetta di “giovani” che ormai ignorano il social network e si scambiano contenuti tramite chat. Ben presto, dunque, anche sulla App potrebbero comparire pubblicità e spot, magari “personalizzati” sulla base delle parole utilizzate.

Intanto i giornali americani dicono che il fondatore del servizio, Brian Acton, avrebbe lasciato sulla scrivania del suo socio co-fondatore Jan Koum un biglietto con poche ma significative parole: “Nessuna pubblicità, nessun gioco, nessun trucco. Il segreto di una messaggistica di successo è anche questo: dare agli utenti solo quello di cui hanno bisogno in modo semplice. E gratuito, ovviamente”.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...