venerdì 14 febbraio 2014

Glutammato: Ecco perchè evitarlo!

Il consumo di glutammato monosodico (E 621) è associato a neurotossicità, vale a dire a un danneggiamento dei neuroni, le cellule del cervello, e a vari disturbi, dal mal di testa alla nausea, oltre alle reazioni più gravi per gli allergici alla sostanza.

Una tossicità meno grave nella forma acuta è attribuita a tutti i glutammati. Sarebbero responsabili di una serie di sintomi che va sotto il nome di “sindrome da ristorante cinese” in quanto correlati al consumo di pasti della cucina cinese, evidenziati e smentiti a più riprese.

Tutti i glutammati sono inoltre considerati sostanze che incitano al consumo smodato degli alimenti che li contengono: fatto che li collega al rischio di aumento di obesità e sovrappeso. Conviene tenere lontani dalla tavola i glutammati sia per la loro tossicità, sia  perché il loro impiego può essere un chiaro segnale di un mascheramento della scarsa sapidità (e qualità) degli alimenti trasformati industrialmente.

E 620 Acido glutammico
Usato come sostituto del sale, è associato a sintomi definiti come “sindrome da ristorante cinese”: intorpidimento della nuca, della schiena e delle braccia, difficoltà respiratorie.

E 621 Glutammato monosodico
Indicato anche come GMS (MSG in inglese), è aggiunto in moltissimi alimenti confezionati, come dadi, minestre pronte, paste ripiene, piatti a base di carne e di pesce. È associato a effetti neurotossici, che determinano la distruzione dei neuroni. Nel 2007 uno studio statunitense ha evidenziato anche un effetto tossico sulle altre cellule del corpo ed effetti favorenti la progressione del cancro.

E 622 Glutammato monopotassico
Assimilabile all’E 621.

E 623 Diglutammato di calcio
Assimilabile all’E 621.

E 624 Glutammato monoammonico
Assimilabile all’E 621.

E 625 Di-glutammato di magnesio
Assimilabile all’E 621.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...