lunedì 13 gennaio 2014

Cibi dannosi per cani e gatti: ecco quali sono

Cioccolato
Il cioccolato contiene una metilxantina chiamata teobromina, molto tossica per i cani, che agisce a livello di sistema nervoso centrale, apparato cardiovascolare, reni, muscoli e tessuto muscolare liscio con azione miorilassante a carico della muscolatura liscia, vasodilatatoria coronarica, diuretica e cardiotonica. La dose tossica di teobromina è di 90 - 100 mg/ Kg: il cioccolato che ne contiene di più, è quello fondente amaro (circa 1300 mg per 100 g), quello che ne contiene di meno è quello al latte (205 mg per 100 g in quanto diluita con altri ingredienti). Per un cane di 10 Kg, l’assunzione di circa 130 g di cioccolato fondente amaro è potenzialmente mortale, valore che sale a 500 g per il cioccolato al latte.

Aglio e cipolle
Alimentare un cane o un gatto con questi alimenti sicuramente renderà “odoroso” il loro alito, ma non avrà nessun effetto sulle pulci, anzi, grosse quantità di cipolle possono essere tossiche. Un consumo eccessivo di cipolle determina la formazione dei corpi di Heinz nei globuli rossi circolanti, che possono causare anemia emolitica, fatale nei casi più gravi. Il composto presente nelle cipolle responsabile dell’effetto tossico è il disolfuro di n-propile. Il quadro clinico di questa intossicazione comprende diarrea, vomito, depressione, febbre, mucose pallide e colorazione scura delle urine. Vomito e diarrea possono comparire anche immediatamente, gli altri sintomi esordiscono dopo 1-4 giorni dall’ingestione.

Avanzi e scarti di cucina
La quantità di avanzi della tavola dovrebbe essere severamente limitata, i resti del pranzo, che finiscono nella ciotola, possono essere molto gustosi, ma in genere non forniscono un’alimentazione bilanciata. Vanno evitate sempre le ossa, i cibi conditi, gli speziati, i piccanti, i salati e quelli grassi.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...