mercoledì 25 dicembre 2013

Treno in ritardo? Ecco come chiedere il rimborso!

Trenitalia
Per i ritardi delle Frecce e degli Intercity, il viaggiatore può chiedere il rimborso dopo 20 giorni dalla data di viaggio attraverso il sito di Trenitalia, le biglietterie, le agenzie di viaggio, i centri assistenza clienti, il call center (che però è a pagamento) oppure inviando una e-mail all’indirizzo rimborsi@trenitalia.it.

In tutti i casi è necessario specificare il codice di prenotazione (PNR) del biglietto. Poi l’indennizzo si ottiene sotto forma di bonus per il valore rimborsato o di denaro contante. Il diritto al rimborso vale anche per i treni regionali (ma è escluso il rimborso per i biglietti di corsa semplice acquistati on line) e gli abbonamenti e carnet dei treni di media e lunga percorrenza. In questo caso bisogna compilare un modulo di richiesta rimborso/indennizzo da spedire alla Direzione regionale territoriale della stazione di partenza entro 30 giorni dalla data di viaggio. Insieme al modulo occorre allegare il biglietto vidimato in partenza.

Ntv-Italo
La politica di rimborsi di Ntv-Italo, è abbastanza semplice: l’accredito avviene automaticamente entro 7 giorni (sul borsellino Italo o tramite voucher) anche se non si tratta di un riaccredito in denaro ma di un bonus elettronico. Dunque, se da un lato c’è il vantaggio di non doversi ricordare di chiedere il rimborso, come con Trenitalia, dall’altro non è prevista la possibilità di ottenere un indennizzo in denaro. 

L’indennizzo minimo in caso di ritardo è pari al:
a) 25% del prezzo del biglietto in caso di ritardo compreso tra 60 e 119 minuti;
b) 50% del prezzo del biglietto in caso di ritardo pari o superiore a 120 minuti.

Il regolamento europeo non prevede alcuna eccezione a tale diritto all’indennizzo qualora il ritardo sia dovuto a un caso di forza maggiore.

Alcune cause di forza maggiore che possono provocare ritardi dei treni sono:
incendi;
calamità naturali (quali maltempo, nevicate, allagamenti, smottamenti, frane);
perturbazione della circolazione determinata da manifestanti sui binari;
sciopero;
alberi o pali caduti sui binari;
suicidio sui binari;
incidente a un passaggio a livello;
interruzioni dell’energia elettrica;
furti di cavi di rame;
interventi dell’autorità giudiziaria, di polizia o doganali.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...