venerdì 29 marzo 2013

Proprietà dei principali probiotici!

Lactobacillus acidophilus: è il più conosciuto e anche il più utilizzato dei fermenti probiotici, aiuta la disintossicazione e ha un effetto antibatterico. Può essere distrutto ad alte temperature, perciò va assunto la mattina a digiuno o un’ora prima dei pasti. In commercio è disponibile anche senza latte, per chi ne è intollerante. Questo fermento produce “acidophilina”, antibiotico naturale che riesce a contrastare lo sviluppo di batteri patogeni (escherichia coli, proteus mirabilis, vari tipi di clostridium, salmonella e staphilococco aureus). Questo batterio si trova essenzialmente nella flora intestinale della vagina, per cui la sua assunzione integrativa previene e cura molte vaginiti e numerose infezioni urinarie (in combinazione con altri preparati erboristici).
Bifidobacterium bifidus: questo batterio produce acido lattico e acido acetico che abbassano il PH intestinale creando un ambiente ostile alla proliferazione di batteri potenzialmente dannosi. I bifidi si trovano nell’intestino tenue o nel colon e sono molto presenti nel latte materno (riescono a creare buone difese immunitarie nei lattanti). I bifidi favoriscono la produzione delle vitamine del gruppo B e, associati a piante adatte, sono essenziali per migliorare la funzionalità intestinale ed epatica.

Lactobacillus rhamnosus: questo batterio produce acido lattico e acidifica l’intestino tenue. Viene spesso associato all’acidophilus, perché ne potenzia le capacità.

Lactobacillus bulgaricus: questo batterio è conosciuto perché innesca il processo fermentativo che porta alla produzione dello yogurt. Anche questo batterio promuove l’acidificazione dell’intestino tenue, contribuendo così a creare un ambiente inospitale per i batteri patogeni e favorevole ai lactobacilli acidophilus. Anche il Lactobacillus bulgaris produce un antibiotico naturale: il “bulgarican”, paragonabile come effetto alla “acidophilina”.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...