venerdì 8 marzo 2013

Farmaci da evitare: più rischi che benefici! (Parte 2)

Più pericolosi che utili. Sono oltre 80 principi attivi contenuti in molti farmaci i cui effetti benefici sono nettamente inferiori ai rischi e dunque da scartare. Sia da parte dei medici, che devono evitare di prescriverli, che dai pazienti.

L'esortazione arriva da Prescrire, una prestigiosa e indipendente rivista francese di informazione medicale, che nel numero di febbraio stila la lista nera dei farmaci, quelli il cui rapporto rischi/benefici è sbilanciato e che dovrebbero essere ritirati dal mercato!
Ecco la lista: 

CARDIOLOGIA
IVABRADINA (PROCORALAN)
Senza vantaggi nell’angina pectoris stabile e nell’insufficienza cardiaca, espone a disturbi visivi, bradicardia, a volte grave, e altri problemi di ritmo cardiaco.
Alternative. Meglio restare ai farmaci dall’efficacia comprovata.

ANTALGIE
COXIBS: CELECOXIB (CELEBREX) E ETORICOXIB (ARCOXIA)
Farmaci antinfiammatori e antireumatici non steroidei selettivi usati nel trattamento sintomatico degli stati infiammatori su base reumatica. Espongono a un maggior rischio cardiovascolare e cutaneo degli altri farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans).
Alternative. Come antalgico di prima scelta conviene preferire il paracetamolo. In alternativa l’ibruprofene e il naprossene a bassi dosaggi e per breve durata.

ARTROSI
GLUCOSAMINA (XICIL)
Antinfiammatorio e antireumatico non steroideo utilizzato per l’alleviamento dei sintomi nelle forme lievi/moderate di artrosi del ginocchio, dall’efficacia non dimostrata. Espone a reazioni allergiche e a disturbi epatici.
Alternative. Tanto vale optare per il paracetamolo come prima scelta nel trattamento del dolore.

DERMATOLOGIA
PROMETAZINA INIETTABILE (FENERGAN, FARGANESSE)
Un antistaminico sui recettori H1 usato nell’urticaria grave, espone a necrosi cutanee e cancrene.
Alternative. Meglio utilizzare la dexclorfeniramina iniettabile (Polaramine).

RAFFREDDORE
OSSIMETAZOLINA (VICKS SINEX), NAFAZOLINA NITRATO (RINAZINA)
I decongestionanti vasocostrittori espongono a disturbi cardiovascolari sproporzionati per farmaci destinati ad alleviare un male lieve come il raffreddore.
Alternative. Non indicate.

GINECOLOGIA-ENDOCRINOLOGIA
TIBOLONE (LIVIAL)
Uno steroide di sintesi nel trattamento ormonale sostitutivo della menopausa. Espone a effetti indesiderabili androgeni maggiori di quelli degli estroprogestativi (problemi cardiovascolari, cancro al seno e all’ovaia ecc.).
Alternative. Quando un trattamento ormonale è scelto malgrado il rischio, tanto vale restare a un’associazione estroprogestativa al più basso dosaggio e per una durata più corta possibile.

OSTEOPOROSI
RANELATO DI STRONZIO (PROTELOS)
Espone a problemi neuropsichici e a ipersensibilità tra cui la sindrome di Lyell e altre sindromi di ipersensibilità multiorganica (sindrome di Dress) e a tromboembolie venose.
Alternative. Non indicate.

DIABETOLOGIA
SITAGLIPTIN (JANUVIA, XELEVIA)
Inibitori delle gliptine senza efficacia clinica dimostrata sulle complicazioni del diabete (complicazioni cardiovascolari, insufficienza renale, problemi neurologici), hanno un profilo di effetti indesiderabili pesante, tra cui disturbi dell’immunità, pancreatite, ipersensibilità.
Alternative. Tanto vale attenersi ai trattamenti approvati coma la metformina (Glucophage o altro), il glibenclamide (Daonil o altro) e l’insulina.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...