mercoledì 2 gennaio 2013

Diarrea: rimedi omeopatici e dieta

In caso di diarrea, bisogna assicurare al nostro corpo una buona idratazione bevendo tè diluito, bevande zuccherate, acqua. Poi si possono riprendere pasti leggeri a base di riso bollito o semolino, patate e carote lesse, pane tostato, grissini, mele crude e banane, evitando vegetali, frutta, latticini, alcool e caffè.

I rimedi omeopatici per la diarrea devono essere estremamente mirati, con peculiarità sintomatiche simili alla diarrea in atto e strettamente legati alla causalità dell’insorgenza morbosa.

ACONITUN NAPELLUS: diarrea dopo un colpo di freddo, con feci verdi, che ricordano gli spinaci. Il paziente è agitato e impaurito, come se gli potesse succedere qualcosa di grave. I dolori sembrano intollerabili e vuole che qualcuno gli stia vicino.

ANTIMONIUM CRUDUM: diarrea dopo eccessi alimentari e alcolici, feci acquose mischiate a piccole feci dure, molto muco. Il paziente presenta eruttazioni acide del sapore del cibo.

ARSENICUM ALBUM: diarrea dopo intossicazione alimentare, molte scariche di feci, che danno bruciore anale, con odore terribile (putrefattivo). La diarrea migliora, se si mette una borsa dell’acqua calda sulla pancia.

PODOPHILLUM PELTATUM: diarrea con feci verdi, acquose, abbondanti, fetide, che escono a spruzzo. Diarrea estiva dopo frutta acida. Dolori addominali, che migliorano stando sdraiati sulla pancia.

CHAMOMILLA VULGARIS: diarrea dopo collera o esposizione al vento freddo. Miglioramento dondolandosi. Rimedio adatto alla diarrea dei bambini durante la dentizione, dove il piccolo trova beneficio, se viene cullato o fatto passeggiare.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...