martedì 5 giugno 2012

L'Irlanda, terra fantastica!


In inverno ha un aspetto lunare e se ti ci trovi da solo puoi provare un leggero brivido alla schiena, ma nella stagione buona puoi assistere ad un singolare spettacolo della natura, dove le colline di calcare si perdono tra i campi e si lasciano accarezzare dal vento. 

Siamo nel sud-est del Burren, in Irlanda, dove è stato istituito un parco di oltre 1.500 ettari. In questo angolo del mondo le colline, calcaree, presentano una sorta di tagli, fessure lineari, chiamate grikes, che formano a loro volta piccole rocce isolate. Un insolito disegno lunare interrotto dalla “volontà” della vegetazione.

Una zona misteriosa, quasi deserta dove è possibile non incontrare automobili e dove le case sono come gli uomini che ci vivono, pochissime. Verrebbe voglia di cantare un famoso brano degli U2, “No line on the horizon”, nessuna linea all’orizzonte. Le parole e le musiche di Bono Vox sembrano adattarsi perfettamente a questa terra che somiglia a un perenne set cinematografico per film di fantascienza, di quelli che giravano gli americani negli anni Cinquanta, ma anche un pianeta della costellazione terra, poco abitato, silenzioso e assai coinvolgente.

Sono possibili incontri ravvicinati con numerosi animali, lepri, volpi, capre selvagge ma anche con una infinità di farfalle, rane e pesci lacustri. Ci sono inoltre 89 specie di uccelli. 

Va fatta una visita alla grotta carsica di Aillwee. Si è formata per effetto dello scioglimento delle acque glaciali. Le stanze e i cunicoli che la formano ospitano numerose stalattiti e stalagmiti e l’acqua, che continua ad entrare dalla superficie, crea delle piccole cascate. All’interno della grotta, dove sono stati ritrovati resti di orsi, continui a credere di essere in un altro pianeta.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...